Tsuba. Quando la guardia del katana diventa opera d’arte

Se vi capitasse di sentire il termine katana 刀, immagino che alla maggior parte di voi verrebbe in mente la spada giapponese, vero e proprio simbolo del guerriero samurai. Ragion per cui è lecito sostenere che faccia parte, oltre che del retaggio culturale giapponese, anche dell’immaginario comune occidentale relativo al Giappone. Ma se sentiste il termine tsuba?

katana2

Premettiamo un aspetto molto importante: aldilà dell’esotismo a priori che qualsiasi cosa sia legata ai samurai e al Giappone antico crea in occidente, ciò che molti non sanno è che il katana (ebbene sì, i termini giapponesi si declinano al maschile, ndr) non era solo un’arma: si credeva infatti racchiudesse l’anima del suo portatore, e che fosse essa stessa dotata di damashii 靈, vale a dire di spirito vivente. Pertanto l’enorme importanza attribuita alla spada in ogni suo aspetto era più che giustificata, tanto in termini di perizia nella fabbricazione quanto di eleganza stilistica ed estetica. Proprio per quanto riguarda questo secondo aspetto vorrei oggi portarvi alla luce un elemento spesso trascurato quando si parla di spade giapponesi. Parlo dello tsuba 鍔, quella che possiamo tranquillamente definire la guardia, o l’elsa, della spada.

katana1

Posizionata tra la lama e l’impugnatura, solitamente di forma circolare o leggermente ovale, nella stragrande maggioranza dei casi non ricopriva un ruolo di grande protezione per la mano, in quanto molto piccola (solitamente intorno ai 7 cm di diametro, variabili in funzione della dimensione della spada). Dal punto di vista marziale aveva piuttosto una funzione d’appoggio per il pollice e l’indice, in modo che la mano del combattente non scivolasse sulla lama e non perdesse la presa dell’arma.

Sostanzialmente però la sua utilità pratica di guardia si esauriva qui. Lo tsuba infatti era uno dei tanti accessori della spada che la rendevano un oggetto assolutamente personale e simbolico, un biglietto da visita per la propria spada. Vere e proprie opere d’arte: forgiate, incise, intarsiate dai migliori maestri spadai dell’epoca, potevano avere le forme più curiose, anche se spesso presentavano raffigurazioni di personaggi, animali e spiriti delle leggende e dei racconti popolari. Naturalmente tsuba di qualità così alta erano di norma prerogativa dei samurai più ricchi e potenti, nondimeno l’enorme quantità di questi oggetti giunta fino a noi dimostra come anche i samurai di rango più basso facessero il possibile per una reperire una guardia di pregio e, di conseguenza, impugnare un’arma degna di maggior rispetto.

Un esemplare di tsuba di epoca Edo (江戸時代 1600-1868) che mi è stato regalato in occasione della laurea a luglio 2013. Nella parte superiore (a sinistra) si possono vedere una volpe e una scimmia, rispettivamente sui rami e alla base di un ciliegio. Nella parte inferiore (a destra) un anziano dotato di arco lungo a cavallo contempla una gru che spicca il volo. Volpe, scimmia e gru, sono animali fortemente simbolici e ricorrenti nei racconti popolari giapponesi, così come l'anziano. Arco e cavallo erano invece le due pietre miliari della strategia militare, prima dell'avvento della spada e dell'evoluzione tattica con schieramenti di soldati a piedi.
Un esemplare di tsuba di epoca Edo (江戸時代 1600-1868) che mi è stato regalato in occasione della laurea a luglio 2013. Nella parte superiore (a sinistra) si possono vedere una volpe e una scimmia, rispettivamente sui rami e alla base di un ciliegio. Nella parte inferiore (a destra) un anziano dotato di arco lungo a cavallo contempla una gru che spicca il volo.
Volpe, scimmia e gru, sono animali fortemente simbolici e ricorrenti nei racconti popolari giapponesi, così come l’anziano. Arco e cavallo erano invece le due pietre miliari della strategia militare, prima dell’esponenziale crescita in importanza della spada e dell’evoluzione tattica con schieramenti di soldati a piedi. (Foto: Giorgio Carmina)

La forgiatura degli tsuba è un’arte molto antica, praticata ancora oggi. Se volete rifarvi gli occhi, con esemplari dai più antichi fino ad altri più recenti, vi basterà fare una semplice ricerca per immagini su Google digitando la parola tsuba, o in alternativa provate a fare copia e incolla con il carattere giapponese 鍔!

Sull’importanza della spada nella cultura giapponese scriverò ancora, all’interno del mio progetto di ricerca sulla rilevanza antropologica del pensiero e della cultura samurai nella costruzione identitaria giapponese. Continuate a seguirmi tramite e-mail e sulla pagina Facebook di Kyu Cafè!


Foto: Testata, Foto 1, Foto 2

Annunci

1 thought on “Tsuba. Quando la guardia del katana diventa opera d’arte”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...